Il micromondo della Romulea rollii

Romulea rollii nell'AMP Torre del Cerrano

Sembra non esserci, ma c’è: come ogni anno la Romulea rollii è tornata a regalarci le sue speciali fioriture che preannunciano l’arrivo della primavera (vedi a proposito l’articolo dell’anno scorso). Il suo è un micromondo che facilmente si rischia di ignorare (e calpestare) se non si abbassa lo sguardo. Di seguito alcuni scatti di quest’anno, tra cui due bei fiori … Continua a leggere

Le zone umide aiutano a far fronte agli eventi meteorologici estremi

wetland2

Oggi, 2 febbraio 2017, è la Giornata Mondiale delle zone umide (World Wetlands Day). Il tema di quest’anno è il seguente: “Le zone umide aiutano a far fronte agli eventi meteorologici estremi”. Tutte le zone umide, infatti, dalle grandi presenti in varie parti del nostro pianeta alle piccole che si trovano vicino a noi, hanno un’altra importante funzione oltre quella … Continua a leggere

Una pericolosa graminacea americana sta invadendo le spiagge di Pineto e Silvi

IMG-20160825-WA0004

Lungo gli arenili è possibile notare in questo periodo una pianta erbacea con spighe spinose. Si tratta di una graminacea di origine americana: il Cenchrus spinifex Cav. (nome italiano nappola delle spiagge). La pianta predilige i suoli sabbiosi e produce dei globuli spinosi che, se involontariamente pestati a piedi nudi, si infiggono dolorosamente nella pelle. Il programma Life III dell’Unione … Continua a leggere

Il vento modella le dune costiere

Formazione di dune costiere

Nella giornata di oggi sulle nostre coste sta dominando un forte vento da nord che, insieme al mare grosso, rende poco estivo il paesaggio marino. Si vede nella foto riportata sopra come è chiara la formazione delle dune di sabbia. Infatti, in questo caso estremo in cui imperversa un forte vento sulla spiaggia, dove il litorale è naturale e non … Continua a leggere

In mezzo ai mostri del cemento, la natura cerca di resistere: preserviamola!

calvano-airone

Immaginate Pineto senza i suoi pini, senza il suo parco Filiani, senza la pinetuccia, senza la sua duna, senza la sua torre. Immaginate ora un airone cenerino, uno dei tanti che popolano questi alvei fluviali, che si ritrova tutto d’un tratto, senza il suo ecosistema, senza il suo nutrimento, senza la sua casa. Un’immagine che esprime la solitudine nel non … Continua a leggere

Salviamo le dune costiere

salviamodune_post

Nell’aperitivo scientifico di ieri sera a Chieti (per cui ringraziamo per l’ospitalità il WWF Chieti-Pescara) abbiamo proiettato anche il contributo video “Salviamo le dune costiere” relativo al progetto “Salvaduna” dell’area marina protetta Torre del Cerrano. Il video nella sua prima versione è nato come contributo al convegno “Macchia Mediterranea e Dune Costiere” tenutosi a Niscemi e Gela in Sicilia l’1 … Continua a leggere

Ecco di nuovo la Romulea rollii

1-2016-03-02_romulea002

Anche quest’anno – non c’è due senza tre – è tornata a fiorire la Romulea rollii, lì dove l’avevamo scoperta negli scorsi anni (2014, 2015). È sempre una grande gioia rivedere questo effimero e piccolissimo fiore, simbolo dell’Area Marina Protetta. La sua comparsa preannuncia l’arrivo della primavera e l’esplosione di colori che avverrà nei prossimi mesi sul prezioso habitat dunale. … Continua a leggere

L’airone cenerino

1-6-airone-mare-1

Un frequentatore delle zone umide delle nostre latitudini è l’airone cenerino (Ardea cinerea). È un uccello trampoliere di grandi dimensioni (fino a 1 metro di lunghezza) con zampe, collo e becco lunghi. Si presenta di colore grigio sopra e bianco–grigiastro sotto. Il becco, giallo-grigiastro, in periodo riproduttivo si tinge di colore arancio. Presenta una lunga e stretta penna nera sulla … Continua a leggere

La bellezza delle spiagge fiorite

1-1-IMG_8050_r_m_lr2

La primavera al suo culmine ci dona bellissime fioriture su alberi e prati che ci circondano, allietandoci di colori e profumi. Particolari sono le fioriture che troviamo in questo periodo su quei tratti di spiaggia non sottoposti alle pulizie meccanizzate e dove l’habitat dunale è rimasto integro, ospitando specie vegetali ormai rare. Continua a leggere